Ricerca Bibliografica: da dove iniziare?

da | 30 Mag 2023 | Come scrivere la tesi di laurea, Consigli Utili

Quando si parla di ricerca bibliografica si intende fare riferimento a una scrupolosa ricerca di testi che costituirà la base per redigere un ottimo lavoro.

A tutti gli studenti consiglio sempre di indicare l’argomento al relatore solo DOPO aver eseguito una approfondita ricerca bibliografica: ciò al fine di evitare di scegliere un argomento che, per quanto interessante, non è ricco di fonti (ad esempio perché molto recente e pochi autori vi hanno scritto). Infatti, non poche volte gli studenti mi dicono “ho scelto l’argomento ma non ho materiale sufficiente per scrivere”. Ecco: è proprio questo il problema che deve essere evitato.

  • Come iniziare la ricerca bibliografica?

Talvolta è il relatore a fornire dei testi allo studente o a indicare determinati siti dai quali estrapolare il materiale bibliografico, tal altra lo studente dovrà muoversi autonomamente. In quest’ultimo caso, lo studente dovrà fare affidamento sui libri (sia in formato ebook che cartaceo), sulle riviste, sui database di fonti scientifici (gratuiti o a pagamento) che includono i lavori provenienti da tutto il mondo.

  • Quali siti NON consultare?

Prima di indicare i siti da consultare vorrei subito sconsigliarvi di usare: WIKIPEDIA: un sito indubbiamente utile per le ricerche ‘di base’ e, in generale, scolastiche ma non certamente per le ricerche universitarie che richiedono massima affidabilità delle fonti. Infatti, Wikipedia è un sito dove tutti possono contribuire con le proprie conoscenze e non si può rischiare di fare affidamento su queste nella tesi di laurea! STUDENTI.IT, SKUOLA.NET e simili, in quest’ultimo caso si tratta di siti in cui possono trovarsi i riassunti dei libri, delle lezioni, tesi di laurea ecc… e non sono affidabili per una tesi di laurea (nessun relatore vedrà mai di buon occhio una nota a piè di pagina che rinvia a Wikipedia a Studenti.it ecc…).

  • Quali siti consultare?

GOOGLE SCHOLAR

Si tratta di uno dei motori di ricerca più utilizzati per la letteratura scientifica e accademica e che tutti i relatori consigliano agli studenti che si accingono alla stesura della tesi di laurea.

La caratteristica importante di questo motore di ricerca è che se si clicca su “cita” sotto l’articolo che si è scelto, vengono proposte alcune modalità per citare bene l’articolo (MLA, APA, ISO 690); altresì, possono visualizzarsi gli articoli correlati e il numero delle volte in cui l’articolo è stato citato

GOOGLE BOOKS

È estremamente utile per individuare libri, riviste e quotidiani utili alla stesura della tesi. A tale riguardo – ma questo discorso vale per ogni ricerca da eseguire – è fondamentale usare le key words (parole chiave). Una volta inserite le key words occorre servirsi dei filtri utili, come sempre, per circoscrivere la ricerca. Nella maggior parte dei casi si tratta di libri a pagamento; tuttavia, se si clicca su “qualsiasi visualizzazione” si ha la possibilità di scaricare il “libro intero” e non solo l’anteprima.

PUBMED (motore di ricerca che si basa su MEDLINE)

È estremamente utile e molto consigliato per le ricerche in ambito medico e biologico. Infatti, tale motore di ricerca è essenziale per tutti i laureandi in medicina, infermieristica, scienze dello sport ecc…

La ricerca è semplice:

  • Si digita la ricerca in inglese (può essere utile inserire la parola AND tra una parola e un’altra).
  • Si usano i filtri: fondamentali per restringere la ricerca il più possibile
  • Si può usare la ricerca per nome dell’autore, per titolo della rivista, per data o per argomento
  • I risultati sono ordinati sulla base di un criterio temporale: PubMed, infatti, crea un elenco partendo dalle pubblicazioni più recenti. Nei filtri si può inserire una fascia temporale per  visionare solo gli articoli degli ultimi anni (1 anno, 5 anni, 10 anni o ‘intervallo personalizzato’)
  • Si può leggere l’abstract di ogni articolo gratuitamente
  • I testi integrali sono consultabili sia gratuitamente (free PMC article) sia a pagamento. Anche in quest’ultimo caso sono importanti i filtri: infatti si può spuntare su “free full text” per visionare tutti gli articoli gratuiti.

AMAZON LIBRI

Andare nella barra di ricerca e inserire le parole chiave può rivelarsi davvero utile al fine di individuare libri ed ebook che trattano l’argomento che si sta cercando!

LA BIBLIOGRAFIA DELLE FONTI

Mi spiego meglio. Quando si acquista un ebook o una rivista (in generale tutte le fonti bibliografiche) al loro interno ci sono altrettante citazioni (note). Ebbene, queste sono utilissime per integrare la propria bibliografia e per individuare ulteriori fonti da consultare.