Narcisismo Maligno: dalla favola alla realtà

da | 8 Lug 2023 | Idee per Tesi di Laurea, Psicologia

Lo psicologo sociale Erich Fromm ha usato per la prima volta il termine “narcisismo maligno” (NM) nel 1964, descrivendolo come un grave disturbo mentale. Egli definì il NM “la quintessenza del male(Fromm 1964).

Otto Kernberg (1984) ha introdotto il concetto di NM nella letteratura psicoanalitica nel 1984. Dopo il suo contributo è stato scritto molto poco sul NM. Kernberg ha delineato quattro caratteristiche di questa sindrome: 1) un tipico nucleo di disturbo narcisistico di personalità (NPD), 2) un comportamento antisociale (ASB), 3) un sadismo ego-sintonico e 4) un orientamento profondamente paranoico verso la vita (Kernberg 1984).

  1. Disturbo Narcisistico di Personalità (Narcissistic Personality Disorder – NPD): Le caratteristiche principali dell’NPD che si riconoscono nel NM sono un senso grandioso di autostima, ossessione per le fantasie di successo illimitato, potere e brillantezza, convinzione di essere speciali o unici, forte bisogno di eccessiva ammirazione, sfruttamento relazionale, mancanza di empatia e invidia preminente (APA 2000).  Nel NM gli aspetti distruttivi del sé e l’espressione dell’aggressività vengono amplificati (Rosenfield, 1971). Le persone con NM danno l’impressione di essere autosufficienti e di avere successo. Tuttavia, segretamente, sono fragili, vulnerabili al senso di vergogna e sensibili alle critiche. Il fallimento nel portare a termine progetti ambiziosi si traduce in forti sbalzi d’umore, con irritabilità, rabbia e senso di vuoto. Le persone con NM sono spinte da un intenso bisogno di riconoscimento. Dentro di sé, sono profondamente invidiose delle persone che hanno una vita significativa. Sono adattivi, capaci di lavorare duramente e con costanza e di raggiungere il successo. Tuttavia, il loro lavoro è fatto principalmente per ottenere ammirazione e il loro intelletto è sorprendentemente limitato. Sono spesso materialisti e pronti a modificare i loro valori per ottenere un favore. Sono inclini alla menzogna patologica. Nel campo dell’amore e della sessualità sono affascinanti, seducenti e promiscui, ma incapaci di sviluppare relazioni profonde. Quando non sono impegnati in attività narcisistiche, sono freddi, insensibili, sfruttatori e indifferenti verso gli altri. Alla base della loro persona vi sono sentimenti inquietanti di inferiorità, dubbi su sé stessi, noia, alienazione, vuoto e mancanza di obiettivi (Kernberg 1984). Il NM si colloca tra l’NPD e il Disturbo Antisociale di Personalità (ASP). Il narcisismo maligno può essere differenziato dall’ASP per la capacità del narcisista maligno di interiorizzare le caratteristiche aggressive e sadiche del sé grandioso patologico. Le persone con ASP hanno un atteggiamento paranoico nei confronti delle influenze esterne che le rende poco propense a interiorizzare persino i valori dell’aggressività. I narcisisti maligni sviluppano un’identificazione con persone potenti e si appoggiano a immagini genitoriali internamente sadiche e potenti (Kernberg 1992).
  2. Caratteristiche antisociali: Sono sprezzanti delle convenzioni sociali e mostrano una tendenza progressiva a mentire, rubare e gestire male il denaro. Possono commettere furti, aggressioni o omicidi e possono persino diventare leader di gruppi sadici o terroristici. Possono provare preoccupazione e lealtà per gli altri (Kernberg 1992), ma principalmente nei confronti dei loro seguaci. Comprendono che gli altri nutrono preoccupazioni morali, eppure giustificano facilmente il loro comportamento antisociale. Sono abili nell’evitare di essere scoperti (Kernberg 1992, Gunderson & Ronningham 2001).
  3. Sadismo ego-sintonico: Il sadismo ego-sintonico del NM si manifesta con un’aggressività radicata nel carattere. Si esprime in una “ideologia” consapevole di autoaffermazione aggressiva. Gli individui con NM tendono a distruggere, castrare simbolicamente e disumanizzare gli altri. La loro rabbia è alimentata dal desiderio di vendetta. Possono presentare tendenze croniche ed ego-sintoniche al suicidio, ma questo raramente riflette una depressione. Diventano soggetti tendenti al suicidio durante le crisi e quando, essendo padroni del proprio destino, vedono il suicidio come qualcosa di trionfale (Kernberg 1992).
  4. Caratteristiche paranoiche: Kernberg (1975) ritiene che l’orientamento paranoico dei NM possa essere la causa principale della loro autoreferenzialità. Le tendenze paranoiche dei narcisisti maligni riflettono la proiezione dell’odio irrisolto sugli altri che perseguitano. Hanno un profondo senso di sfiducia e vedono gli altri come nemici/stupidi o idoli, svalutandoli o idealizzandoli. Hanno un superego disorganizzato e di conseguenza non hanno la capacità di provare rimorso, tristezza o ricerca di sé. Si interessano di teorie cospirative. La loro grandiosità patologica è una difesa contro l’ansia paranoica. La regressione paranoica in terapia può portare a episodi di psicosi (Kernberg 1975).

Le persone con NM non si rivolgono volontariamente ai servizi di salute mentale per cercare aiuto. A volte vengono indirizzate ai servizi di salute mentale dal sistema giudiziario o dai servizi di protezione dei bambini.

I bambini con una figura genitoriale affetta da NM si rivolgono ai servizi di salute mentale su segnalazione di un medico, di un insegnante o di un’altra persona autorevole che riconosce che il bambino e la famiglia hanno bisogno di aiuto. I figli di figure genitoriali con NM possono arrivare al trattamento solo in età adulta. Soffrono di molteplici problemi psichiatrici, come disturbi da dipendenza, disturbi d’ansia, tra cui depressione, tendenza al suicidio e disturbi di personalità.

Queste persone sono cresciute in famiglie con figure genitoriali che possono essere riconosciute retrospettivamente come narcisisti maligni.

NARCISISMO MALIGNO VS. PRESENTAZIONI CLASSICHE DEL NARCISISMO

Le persone con una personalità narcisistica desiderano attenzione e acclamazione. Credono di essere speciali e vogliono che anche gli altri lo credano. Possono cercare l’attenzione attraverso strategie positive, come ottenere un buon lavoro o essere affascinanti, o negative, come mentire agli altri o abusare dei propri affetti.

Il bisogno di attenzione e di amore è presente anche nelle persone con narcisismo maligno. Tuttavia, le loro strategie per ottenere questa attenzione tendono a essere più aggressive e a mostrare meno rispetto per i diritti degli altri. Possono avere tratti di personalità antisociale che li inducono ad abusare degli altri consapevolmente, e talvolta con piacere, per il proprio piacere e guadagno personale.

Non esiste una linea di demarcazione netta tra narcisismo e narcisismo maligno.

NARCISISMO MALIGNO VS. SOCIOPATIA E PSICOPATIA

Alcuni testi di self-help etichettano le persone affette da narcisismo maligno come sociopatici o come psicopatici, entrambi termini non ancora ufficiali.

Sebbene l’idea di una persona priva di coscienza, cioè di un sociopatico o di uno psicopatico, sia popolare, nei film e in alcuni media di psicologia, il DSM-5 non elenca nessuna delle due come diagnosi. Queste etichette giudicano il carattere morale o la coscienza di una persona, che la scienza non può oggettivamente provare o giudicare.

La diagnosi più simile alla psicopatia o alla sociopatia è il disturbo antisociale di personalità. Questo disturbo porta una persona a non rispettare i diritti degli altri, a non tenere conto dei sentimenti e dei bisogni delle persone e a mancare di empatia.

I soggetti affetti da narcisismo maligno hanno molti tratti in comune con quelli affetti da disturbo antisociale di personalità, tra cui la mancanza di considerazione per il benessere degli altri. Spesso il disturbo è accompagnato da un desiderio di acclamazione o riconoscimento speciale. Alcune persone con tratti di narcisismo maligno possono raggiungere questi obiettivi danneggiando, mentendo o strumentalizzando gli altri.

Le rappresentazioni popolari della psicopatia e della sociopatia sottolineano che questi individui non rispondono al trattamento. Esistono diverse opzioni terapeutiche per il disturbo antisociale di personalità, anche se il trattamento può essere difficile e le persone con disturbo antisociale di personalità lo richiedono raramente. Questi trattamenti possono aiutare anche i soggetti affetti da narcisismo maligno.